La Terra come casa comune. Confronti sull’etica ambientale

05 May 2016 — 06 May 2016

FBK Aula Grande

Fondazione Bruno Kessler - Polo delle Scienze Umane e sociali
Aula Grande

Di fronte alla crisi ecologica attuale possono ben poco allarmismi e catastrofismi. Serve piuttosto un’assunzione di responsabilità, personale e collettiva, che sia alimentata dalla conoscenza dei problemi reali e da una più profonda riflessione. Un’opportunità preziosa in tal senso è offerta dal convegno La Terra come casa comune. Confronti sull’etica ambientale. Organizzato in collaborazione da FBK-Centro per le Scienze religiose e MUSE-museo delle scienze, verrà aperto dalla relazione di Jürgen Moltmann, teologo di fama mondiale, tra i più attenti promotori della causa ecologica come tema imprescindibile e urgente di riflessione nonché di impegno etico e politico. Si avvierà così un confronto aperto di prospettive teologiche e scientifiche.

Accanto a una ripresa della tradizione biblica (P. Stefani) verranno presentate un’interpretazione della recente e coraggiosa enciclica Laudato si’ di papa Francesco (C. Simonelli) e considerazioni sul tema emergente del vegetarianesimo, sostenuto spesso con motivazioni legate all’etica ambientale (P. Trianni).

L’ampia tavola rotonda chiamerà in causa gli esperti di area scientifica: studiosi e studiose del MUSE illustreranno alcune problematiche specifiche e critiche della questione ambientale, dialogando con i relatori e il pubblico.Un convegno oltre allarmismi e catastrofismi, dunque, per sollecitare pensieri nuovi e responsabilità condivise nei confronti della Terra “casa comune”.

 

Agli studenti iscritti si riconosce un bonus frequenza di n. 2 ore.

Privacy Notice

By participating to the event, within the meaning and for the purposes of the EU Regulation No. 2016/679 – General Data Protection Regulation (GDPR) as described in the Privacy Policy for FBK event’s participants, you consent to the processing and use of pictures taken during the event, streaming service and presentation, declaring that the Foundation will not be charged for any of them.

Contacts

Organizers