Il concilio di Trento e il moderno