Religione e violenza

Dal settembre 2013, il Centro per le Scienze Religiose ha organizzato workshops e seminari interdisciplinari sul ruolo della religione come elemento per la violenza organizzata e per la costruzione della pace.

L’obiettivo di questo progetto consiste nell’analizzare la relazione tra “religione” e “violenza”, considerando la “religione” non come una variabile indipendente e decontestualizzata, ma come un elemento legato alla politica, alla società, alla cultura, all’economia e all’ateica. Le seguenti questioni guidano la ricerca:

  • Se e come sia possibile la violenza in nome della religione;
  • Se e come la religione cambia nell’interazione con la violenza;
  • Perché la violenza ha bisogno di appellarsi alla religione?
  • Se e come la religione potrebbe giocare un ruolo per mitigare la violenza;
  • Qual è la relazione tra immagini divine, immaginari religiosi e violenza?

Il progetto affronterà queste questioni in un orizzonte interdisciplinare, considerando sei prospettive:

  1. Il ruolo dei testi sacri;
  2. l’impatto e il ruolo della religione nel mondo globalizzato e parzialmente secolarizzato;
  3. La relazione tra immaginario religioso e pratiche socio-politiche;
  4. la dimensione antropologica e filosofica tratta la relazione tra immaginario religioso e pratiche socio-politiche di individui e gruppi umani;
  5. l’approccio delle scienze religiose chiarirà la differenza tra fedi, religioni e teologia e il modo in cui prendono parte alle dinamiche tra religione e violenza.
  6.  l’importanza delle donne nei conflitti.

A dispetto dell’impossibilità di risolvere queste questioni, questo progetto interdisciplinare contribuirà ad una migliore comprensione del contesto contemporaneo.

Date: 2013- 2018

Persone

Pubblicazioni

Eventi collegati